Innovazione

Boat sharing, l’ultima nata è RemyApp.it

Pubblicato da

il

La sharing economy è “sbarcata” da tempo anche nel mondo della nautica. L’economia della condivisione è ormai un mercato consolidato, che dal suo esordio incontra il favore di sempre più persone. Home sharing, car pooling, taxi peer to peer, social eating, bike, car e boat sharing. Che si approda al consumo collaborativo per curiosità o necessità, pare proprio che il futuro sia tinto di sharing.

La tecnologia rende possibile un modello di economia circolare in cui professionisti, consumatori e semplici cittadini si relazionano per proporre beni, conoscenze, competenze o tempo. Nuovi stili di vita nascono sulla scia del risparmio e della socializzazione.

Per appagare le nuove esigenze aumentano le piattaforme online e la nautica si sta dimostrando un mercato vivace e interessante. RemyApp.it è l’ultima nata in Italia e si occupa di far incontrare la domanda e l’offerta di barche da diporto. Un servizio in ambito nautico che schiaccia l’occhiolino a realtà consolidate e di successo in altri settori, come Airbnb, Bla Bla Car e Gnammo.

Prerequisito anche in questo caso è l’occasionalità del noleggio tra privati. Yacht, super yacht e barche a disposizione attraverso un sito web gratuito o una applicazione. Con un click si potrà proporre, prenotare e confermare la propria imbarcazione per navigare le acque blu del nostro Mediterraneo. Dopotutto, lo stivale italico con i suoi 7600 chilometri di coste, le sue numerose isole e i quasi settecento porti, sembra il luogo ideale per sviluppare lo scambio nautico.

Le imbarcazione dislocate sul nostro territorio sono circa seicento mila e molte di queste sono sottoutilizzate. L’idea nata dagli imprenditori padovani Tito Alleva e Patrizia Barbieri (imprenditori nel campo delle tecnologie) e Michele Lorenzon Vos (esperto in società di servizi e industriali in Italia e all’estero), sviluppata dal board operativo di Delta Askii Srl (web agency di Udine fondata da Gabriele Montanari) dà la possibilità di usare i servizi proposti in quattro lingue.

I vantaggi offerti sono molteplici: dalle funzioni di pagamento. alla gestione dell’annullamento e della cauzione, ai servizi amministrativi riguardanti le comunicazioni agli enti governativi per usufruire dei vantaggi fiscali della legge sul noleggio occasionale. A disposizione anche servizi soft come i prezzi consigliati, i servizi di localizzazione delle imbarcazioni o portuali quali la pulizia al termine dell’utilizzo. Non mancano l’assicurazione gratuita offerta da Remy e creata da Aig o rubriche destinate alla nautica dei privati.

Il boat sharing rende felici, ridistribuisce risorse e fa guadagnare, in tempo, denaro o opportunità. Non solo, alla crisi di settore si risponde esplorando soluzioni che permettono di vivere la propria passione in modalità smart, il che non guasta.

Armatori, appassionati o neofiti, ognuno ha il suo vantaggio, chi per ottimizzare i costi di mantenimento, chi per provare un’emozione altrimenti dispendiosa. Riuso, riutilizzo, condivisione, l’importante è mantenere viva la nautica, la cultura del mare e l’economia che gravita intorno.

Dall'autore: Paola Mattavelli

Raccomandati per te!

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>