Mercato

Evo WA, lo yacht spaziale pronto al debutto a Cannes

Pubblicato da

il

Dopo il successo riscosso fin dal debutto con l’Evo 43, un daily cruiser di 13 metri dal design innovativo e dalle caratteristiche uniche nel suo genere, la Evo yachts sta per presentare al pubblico la sua nuova creazione, l’Evo WA (Walk around). Seguendo la falsariga che ha portato alla realizzazione dell’Evo 43 – linee muscolose e minimaliste unite all’elevata tecnologia che consente di allargare lo spazio disponibile a poppa del 40% semplicemente premendo un tasto sulla consolle – il cantiere di Cassina Rizzardi (Como) ha voluto procedere con uno step ulteriore che certamente alzerà l’asticella per tutto il segmento.

Per quanto riguarda la progettazione, Evo yachts si è affidata allo Studio Tecnico Rivellini, che ha curato sia il design degli interni che degli esterni senza discostarsi dall’idea di stile che ha consacrato la casa comasca. Le linee di Evo WA rimangono infatti molto pulite e ben definite, senza mai scadere nell’eccesso, restituendo agli occhi un mezzo molto gradevole dal punto di vista estetico che non rinuncia però al largo uso di tecnologie. Lungo quanto l’Evo 43, questo nuovissimo walk around si caratterizza per la vivibilità ulteriormente migliorata, che consente di spostarsi tra la beach area di poppa e la prua passando ai fianchi della consolle di comando. I più esperti osserveranno che questa soluzione è già stata impiegata nelle barche concepite per la pesca, il merito di Evo yachts è stato quello di armonizzarla al meglio nella propria creazione, ottenendo un prodotto funzionale ma dallo stile raffinato, che non passa certo inosservato.

bb1a2302_rev-2Oltre alla lunghezza, Evo WA condividerà con Evo 43 la tecnologia ‘XTension’, che consente di trasformare lo spazio della beach area di poppa in una terrazza di oltre 25 metri quadrati che si affaccia direttamente sul pelo dell’acqua. Le sponde laterali di murata si aprono idraulicamente in circa trenta secondi, incrementando lo spazio disponibile del 40%. Seguendo la descrizione del cantiere di Cassina Rizzardi, è questa la zona in cui Evo WA cela le soluzioni più originali: «Quest’area dell’imbarcazione infatti è configurabile a piacere secondo le esigenze dell’armatore o per assecondare al meglio i diversi momenti della giornata a bordo. La scelta varia da comode chaise longue o cuscini prendisole, a una piattaforma rotante che funge da passerella, scala bagno, piattaforma tuffi o tender lift. Ancora, l’armatore potrà scegliere di attrezzare la stessa area con una cucina a scomparsa dotata di piano cottura a induzione, piastra tepanyaki oppure una griglia per il barbecue».

Nonostante l’elevato impiego di tecnologie, Evo WA è una barca pensata per essere fruita anche dai meno esperti; le operazioni a bordo infatti saranno facilitate dalla domotica di ultima generazione, che permette il pieno controllo dell’imbarcazione direttamente dal proprio iPad, dal quale sarà possibile gestire sia i parametri per la navigazione che le diverse funzioni di base dello yacht. Lo stile non manca anche per quanto riguarda la finitura degli interni, concepiti per ottimizzare lo spazio disponibile senza rinunciare all’eleganza e ai materiali di pregio.

Particolare attenzione è stata dedicata alle prestazioni: le motorizzazioni Volvo PENTA IPS 600 (2 propulsori da 435 hp) ben si combinano con la carena a V con angolo di 18° e permettono all’Evo WA di sfiorare i 40 nodi di velocità di punta e una velocità di crociera di 32 nodi. La nuova nata di Evo yachts sarà presentata ufficialmente a settembre 2017 al prossimo Cannes Yachting Festival, dove sarà esposta insieme al resto della gamma della casa comasca.

Dall'autore: Davide Lazzini

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>