Viaggi

Le otto località italiane da scoprire per chi si gode una vacanza in barca

Pubblicato da

il

 

L’estate procede imperterrita con le sue alte temperature e sorride allegra a chi ha scelto la seconda metà di agosto per concedersi le meritate vacanze. Molti sono gli italiani che scelgono la nostra penisola come meta di villeggiatura e molti sono coloro che scelgono le località marittime e costiere.

Il turismo marittimo presenta notevoli sfaccettature. C’è chi fa la vacanza in famiglia, magari attorniato da tanti piccoli cuccioli d’uomo ed è quindi portato a prediligere spiagge di facile accesso e preferibilmente sabbiose.

Ci sono poi i più giovani, che notoriamente prediligono mete marittime, che affianchino al mare tutta una serie di strutture attrattive serali, predisposte a soddisfare le esigenze festaiole, da protrarsi fino alle prime luci dell’alba.

C’è ancora un’altra categoria, da molti invidiata e a ragione, quella dei vacanzieri in barca. Molte tra le più belle coste italiane infatti sono rocciose, molte sono scogliere e poi ancora ci sono isole, grotte, insenature, calette, baie. In tutti questi casi l’utilizzo di una barca oltre che magnificamente auspicabile, si dimostra necessario.

Proviamo allora a stilare un piccolo elenco di otto località italiane costiere, che sono rinomate mete attrattive per i turisti che scelgono di trascorrere la loro estate a bordo o più semplicemente otto località costiere italiane che si possono visitare attraverso escursioni e gite in barca.

 

  1. Portofino e le Cinque Terre

Tra le vacanze più chic da scegliere in barca spicca quella che punta verso la costa della Riviera ligure da Portofino alle Cinque Terre, Monterosso, Vernazza, Manarola, Riomaggiore, Corniglia. La costa ligure dal Promontorio di Portofino, la cui area marittima è un parco protetto, dalle vicine Recco e Camogli fino alla Riserva Naturale delle Cinque Terre è una costa frastagliata, alta, costellata di paesi di pescatori e puntellata di scorci e di colori straordinari. Interrotta da baie e insenature e porticcioli, la riviera ligure unisce il culto di un’intera regione per il mare con il fascino della mondanità che queste località sanno offrire e che ha contribuito a renderle delle mete turistiche di fama mondiale.

  1. Arcipelago Toscano e Argentario

Ora è la volta della Toscana, che racchiude nell’arcipelago che fronteggia le sue coste alcune delle località insulari più belle d’Italia. Parliamo dell’Isola d’Elba, di Pianosa, dell’Isola del Giglio, dell’Isola di Montecristo, dell’Isola di Gorgona, dell’Isola di Giannutri e dell’Isola di Capraia. L’Isola del Giglio è situata di fronte al promontorio dell’Argentario, con i suoi centri di Porto Santo Stefano e Porto Ercole, altra perla del territorio toscano. Vacanze, quelle in Toscana, che uniscono la bellezza del territorio ad una certa nostalgia da Italia anni Sessanta, tra mare e bella vita.

  1. Arcipelago delle Isole Ponziane

Sempre Tirreno, ma più a sud. Siamo in provincia di Latina, davanti al promontorio del Circeo; proprio lì si stagliano le isole Ponziane, che prendono il nome dall’isola più grande, Ponza. Le altre isole dell’arcipelago sono Gavi, Zannone, Palmarola, Ventotene, Santo Stefano. Si tratta di località anch’esse ideali per escursioni in barca. Il panorama di Ponza offre spiagge sabbiose, come la spiaggia di Chiaia di Luna, baie e calette come quella di cala Fèola; peculiare poi la spiaggia del Frontone dove ci si reca per l’appunto in barca per gustare l’aperitivo o per trascorrere la serata, dal momento che lo stabilimento balneare di notte si trasforma in discoteca.

  1. Capri, Ischia, Costiera Amalfitana

Come non menzionare i meravigliosi faraglioni di Capri, che si possono osservare dall’alto dei Giardini d’Augusto. Quando ci si affaccia dalla terrazza quello che si vede, oltre ai faraglioni, sono distese di yacht e barche a vela. Stesso dicasi per Ischia e per quelle che sono le punte di diamante della costiera amalfitana, quali Amalfi e Sorrento. Il mare blu regna incontrastato.

  1. Isole Tremiti

Selvagge, ancora in larga parte incontaminate sono le isole Tremiti, chiamate anche isole Diomedee, dal nome di alcuni uccelli tipici dell’arcipelago, le berte maggiori. L’arcipelago delle Isole Tremiti è formato da 5 isole: San Domino, San Nicola, Capraia, Cretaccio e Pianosa. Le uniche 2 abitate sono San Domino e San Nicola, dove risiedono complessivamente circa 400 persone. Belle e rocciose, sono la località ideale per escursioni in barca e per tuffi nel mare limpido e blu; costituiscono un panorama roccioso non così consueto nel mare Adriatico. Lungo la costa dell’Isola di San Dominio si trovano le 3 famose grotte delle Tremiti: Le Viole, Le Rondinelle e la grotta del Bue Marino, raggiungibili tramite imbarcazione.

  1. Santa Maria di Leuca

De Finibus terrae”, così i latini definivano Leuca. Punto di incontro dei due mari, Ionio e Adriatico, Leuca è la punta all’estremità est della penisola. Tra le peculiarità le scogliere e le grotte di Leuca, la Grotta Porcinara o la Grotta del Diavolo o ancora la Grotta dell’Ortocupo dalla quale si accede, attraverso un breve tratto in immersione, alla Grotta del Soffio.

  1. Egadi e Isole Eolie

Se parliamo di isole o di luoghi privilegiati per una vacanza in barca come non poter menzionare le isole siciliane. Il gruppo delle Egadi è formato dalle tre isole maggiori, Favignana, Marettimo e Levanzo. In quanto isole, le Egadi sono caratterizzate da un paesaggio intervallato da grotte, per raggiungere le quali la barca si rivela l’unico mezzo. Parliamo di luoghi come la Grotta dei Sospiri a Favignana; più peculiari, nascoste e sconosciute al grande pubblico le baie di ciottoli di Marettimo, che è tra le isole Egadi la più vergine ed incontaminata. Con l’arcipelago delle Egadi ci troviamo in provincia di Trapani, con le Eolie passiamo in provincia di Messina e abbiamo Lipari, Stromboli, Vulcano, Panarea, Salina, Alicudi e Filicudi. Vengono chiamate non a caso “le sette perle del Mediterraneo”.Le Isole Eolie sono suggestive anche per il loro essere di origine vulcanica; ospitano infatti due vulcani attivi Vulcano e Stromboli, quest’ultimo il più attivo dei vulcani europei. Sull’isola di Stromboli si possono ammirare dall’Osservatorio della Marina Militare le spettacolari e frequenti eruzioni e con un po’ di fortuna la Sciara del Fuoco, ossia la colata lavica che scende fino al mare.

  1. La Maddalena

La Maddalena è l’isola più grande dell’arcipelago e del parco Nazionale che da essa prende il nome, composto da circa 60 tra isole e isolotti, situato di fronte alle coste della Gallura, nella parte nord-orientale della Sardegna. Dalla Maddalena via mare si possono scoprire altre isole del parco: Santo Stefano a sud, Budelli e la celebre spiaggia Rosa, Razzoli, Santa Maria e Spargi a nord, Caprera ad est. Sull’isola di Caprera per l’appunto menzioniamo in particolare Porto Palma, un’insenatura dotata di un pontile e di due boe da ormeggio per un facile attracco. Qui ha sede, dal 1967, il famoso Centro Velico Caprera, fondato dalla Lega Navale Italiana. Ad oggi la flotta comprende circa 70 barche.

Dall'autore: Raffaella Antonini

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>